La voglia di incontrarlo era tanta. Decidemmo di incontrarci in un hotel nel centro città verso le 20:00.

Arrivata nel parcheggio dell’hotel gli mandai un messaggio su whatsup dicendogli che ero arrivata, ero agitata ma la situazione mi piaceva.

Ad un tratto si avvicina un uomo alto vestito molto elegante verso di me e mi sento chiamare:

– Luisa sei tu?

IlLatoOscuro

– Si sono io

Un sorriso lampo reciproco, mi prese per mano e mi portò verso l’ascensore che ci avrebbe portato sino alla nostra camera già prenotata da lui.

Appena entrati in camera si accendono alcune luci soffuse di colore rosso e della musica molto sensuale, è stato un impatto pieno di erotismo.

Mi spogliai la giacca e lui rapidamente mi spinse contro il muro sussurrandomi che mi desiderava da tanto tempo. Si avvicinò sfiorandomi con le labbra

il mio collo e poi dietro l’orecchio… oddio io impazzisco in questo modo.

Le sue mani iniziarono a navigare su tutto il mio corpo e lentamente mi spogliò quasi tutta e i suoi occhi erano pieni di desiderio con la voglia di possedermi prima possibile.

Le nostre labbra si unirono con tanta passione mentre le nostre lingue si cercavano in ogni punto sensibile mentre la mia mente volava in alta quota.

La sua mano si infilò nel perizoma e con le dita sfiorava il clitoride stuzzicandolo con leggeri movimenti ondulatori ma costanti, era bravo, bravissimo.

Iniziò a sollecitarmi con parole dolci e poi violente, ero imbarazzata ma neanche più di tanto, questa situazione mi piaceva tantissimo, era quello che cercavo…

– Voglio farti impazzire Luisa…

– Uhmmmm, Marco…

Ero coinvolta ormai in quella situazione quasi perfetta e senza fine, mi piaceva. Mi sentivo

sempre più porca a tal punto di avvicinarmi sfiorando il suo pacco molto accentuato, era come

immaginavo, dotatissimo.

Gli abbassai i pantaloni e poi i boxer… oddio ma cos’è questo affare… mi lascerà il segno questa

notte (nel mio pensiero).

Lo presi in mano e lentamente cominciai a maneggiarlo su tutta l’asta e la mia voglia di prenderlo in bocca era tantissima ormai.

Continua…

@leonaLuissa
Links Autrice: QUI

×